Le comunità di Adrano, Biancavilla, Centuripe – Area Interna sperimentale Valle del Simeto – consolida linee progettuali e rapporti sovraistituzionali per l’ottenimento di fondi della Strategia Nazionale Aree Interne (SNAI)

Si intensificano le attività di raccordo programmatico tra il Comitato Interministeriale per le Aree Interne e i Comuni dell’Area SNAI Valle del Simeto.

Dopo appena un mese dall’ultima visita di campo, la dott.ssa Alessia Zabatino progettista del Comitato Interministeriale è tornata nelle comunità di Adrano, Biancavilla, Centuripe, facenti parte dell’area SNAI, per la definizione del Preliminare di Strategia -documento che sarà redatto implementando la Bozza di Strategia già approvata e definita tra le più innovative e le meglio strutturate a livello nazionale – cui seguirà la definitiva stesura della Strategia d’Area e il conseguente APQ per l’accesso ai fondi comunitari e della legge di stabilità.

Di concerto con il dott. A. Brogna, responsabile tecnico dell’Area SNAI, e il prof. ing. F. Gravagno, dell’Università di Catania e responsabile del Laboratorio del Patto per il fiume Simeto, la dott.ssa Zabatino ha voluto estendere il raggio di ricerca dati e di azione conoscitiva interagendo con cittadini e attrattori di potenziale evoluzione culturale e crescita del tessuto sociale.

Tre giorni intensi di ascolto e interaione – dal 24 al 26 maggio – i cui diversi tavoli di lavoro – Acqua, Agricoltura, Artigianato, Istruzione e Formazione, Cultura, Turismo, Sanità, Mobilità, Sviluppo Economico, Rifiuti – hanno fatto registrare la significativa presenza di interlocutori attivi, qualificati ed eterogenei per competenza e conoscenza degli aspetti di forza e di debolezza dei territori.

Si è ricordato come la Strategia Nazionale Aree Interne-supportata da una forte volontà politica, condivisa da diversi Ministeri e rispettivi dicasteri (Economia e Finanza, Sviluppo Economico, Politiche Agricole, Alimentari e Forestali; Istruzione – Università – Ricerca, Salute, Infrastrutture e Trasporti, Beni delle Attività Culturali e Turismo, Lavoro e delle Politiche Sociali, Dipartimento Affari Regionali, le Autonomie e lo Sport) – rappresenta importante novità in termini di programmazione e pianificazione di politiche mirate allo sviluppo.Si è consolidato il metodo partecipativo di costruzione dal basso dei processi della Strategia di cui è puntuale facilitatore il Presidio Partecipativo, organo del Patto per il Fiume Simeto. Si è posta particolare attenzione sulle comunità simetine che, ragionando anche su nuove forme di governance in grado di imprimere tutela dei territori volta al cambiamento e allo sviluppo, continuano a dimostrare di sapere interpretare la straordinaria opportunità per il rilancio socio-economico e culturale della Valle del Simeto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...